scialpinismo latemar trentino person Adobe Stock
scialpinismo latemar trentino person Adobe Stock

Scialpinismo

D’inverno, il territorio montano del Trentino è il perfetto terreno per le tue avventure sci e pelli di foca ai piedi, lontano dalle piste battute e dagli impianti dei caroselli sciistici.

Tra i ghiacciai dei gruppi dell’Ortles-Cevedale e dell’Adamello, le Dolomiti di Brenta, Fiemme e Fassa, le Pale di San Martino, il Lagorai e le sue altre catene “minori”, il Trentino è una miniera di opportunità per la sempre più amata pratica dello scialpinismo. Anche a brevissima distanza dai santuari dello sci alpino si nascondono valli selvagge, pendii di neve vergine e cime isolate, dove è la quiete a regnare sovrana.

Anche d’inverno, la montagna è un mondo che non sembra che chiedere di essere esplorato in lungo e in largo, ma che è estremamente rischioso approcciare senza la dovuta prudenza e le necessarie competenze. Per la propria e altrui sicurezza, oltre che nel rispetto dell’habitat della fauna selvatica, il modo migliore per avvicinarsi a quest’affascinante disciplina è partecipare alle attività di formazione delle Scuole di Alpinismo e Scialpinismo della S.A.T. (Società degli Alpinisti Tridentini) e delle Guide Alpine, capillarmente diffuse sul territorio trentino.

Per una perfetta vacanza scialpinistica nel Trentino, potrai approfittare anche della preziosa conoscenza del territorio di chi gestisce i suoi esercizi ricettivi, che ti saprà indirizzare nel modo migliore per farti trascorrere momenti che non dimenticherai.


Nel nostro piccolo, ti suggeriamo di non dimenticare mai queste sette regole:

  1. Scegli itinerari adeguati alle tue capacità e a quelle dei tuoi compagni di gita.
  2. Parti solo con buone condizioni meteo e manto nevoso stabile;
    consulta sempre il bollettino valanghe.
  3. Non partire senza ricetrasmettitore ARVA, pala, sonda, rampanti, casco e kit di primo soccorso.
  4. Raccogli sempre tutte le informazioni possibili sull’itinerario prescelto, che potrebbe richiedere equipaggiamento supplementare come ramponi, piccozza, corda, imbragatura…
  5. Consulta e porta sempre con te una buona cartina della zona.
  6. Non improvvisare. Nel dubbio, affidati all’esperienza di una guida alpina.
  7. Rispetta la fauna selvatica e il suo habitat.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere