calavino lago di toblino e castel toblino
calavino lago di toblino e castel toblino

Castel Toblino

Numerose sono le leggende che tra quelle mura hanno trovato fertile terreno su cui nascere e svilupparsi.

Da un antico tempietto probabilmente dedicato al culto dei fati e delle fate, il romantico castello sulle sponde del Lago di Toblino si trasformò in una delle fortificazioni lacustri più note non solo della Valle dei Laghi, ma dell'intera regione.

Noto per le leggende di amori proibiti, il castello come lo possiamo ammirare oggi è il risultato della riedificazione voluta da Bernardo Clesio nel XVI secolo e successivamente dai signori Madruzzo. Dell'impostazione medioevale si individua la muratura a ponente e la torretta a nord ovest dell'attuale perimetro. La torre cilindrica, quasi emblema del castello, vanta una altezza di 20 metri, tanto da essere considerata un vero mastio.

All'interno del castello ci sono splendidi affreschi, di grande bellezza è la sala della musica completamente affrescata da dipinti raffiguranti strumenti musicali dell'antica corte medievale. Interessanti sono anche le cantine Wolkenstein ed i locali adibiti alla pigiatura dell'uva ed alla maturazione dei grappoli di nosiola che, dopo essere stati disposti sui graticci ad appassire fino alla loro pigiatura e dopo un lungo percorso di affinamento, si trasformano nel famoso Vino Santo trentino.

Castel Toblino, dopo lunghi anni di interventi di restauro, è oggi visitabile. All’interno del castello è possibile anche il pernottamento e la ristorazione presso il bar o il ristorante.

Contatti

Ingresso

Per visitare il castello è obbligatoria la prenotazione e la tessera associativa (costo annuale 10.00 euro).

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere
Suggerimenti ed ulteriori informazioni